Tom Westphal guida il nuovo Actros con MirrorCam e Active Drive Assist

Economia & Logistica

Sensazioni positive a bordo.

Tom Westphal, detto «Zottl», guida il nuovo Actros per lo spedizioniere Wagenstetter di Forsting ed è entusiasta soprattutto dell’Active Drive Assist, del Multimedia Cockpit e della MirrorCam.


Tom Westphal è di casa al Brennero. Quasi ogni settimana attraversa il passo per consegnare e ricaricare merci nel Nord Italia. Un tempo gli capitava anche di viaggiare nell’Europa del sud. Ma adesso il lavoro è più circoscritto. Nel caso di Tom tra l’Alta Baviera, il Tirolo e il Nord Italia. Anche se questo tipo di lavoro ha ben poco a che vedere con l’immagine romantica dei camionisti che girano il mondo, al 51enne va bene così. Perché nel fine settimana ha più tempo da trascorrere in famiglia.

Westphal lavora per lo spedizioniere Wagenstetter di Forsting, 50 chilometri a est da Monaco. Pur percorrendo quasi sempre la stessa tratta, il suo lavoro negli ultimi tempi si è distinto per una particolarità: Tom è uno dei pochi camionisti che sottopongono il nuovo Actros a un test di durata nella normale giornata lavorativa.



«La nuova plancia multimediale è una novità assoluta in un truck e la nuova MirrorCam è a dir poco geniale.»

– Tom Westphal, autista presso lo spedizioniere Nikolaus Wagenstetter


Già prima del lancio sul mercato, Mercedes-Benz Trucks aveva chiesto al capo di Tom, Nikolaus Wagenstetter, se avesse voluto partecipare a questa sperimentazione. La percorrenza della stessa tratta abbinata all’elevato chilometraggio rende Wagenstetter interessante per gli ingegneri di Mercedes-Benz. Rolf Knehr del reparto Test veicoli chiede sempre a Tom come il camionista utilizzi i nuovi sistemi.

Nel test di Tom il focus è posto sul nuovo Active Drive Assist. Il sistema è una pietra miliare nella costruzione dei truck e consente – per la prima volta in un camion di serie – una guida parzialmente automatizzata in tutte le gamme di velocità. L’Active Drive Assist supporta attivamente il conducente nella guida longitudinale e trasversale del veicolo. Il sistema è in grado di frenare, accelerare e tenere la corsia autonomamente, attraverso movimenti attivi del volante.



Tom utilizza l’Active Drive Assist sia sulle strade interurbane sia sulle tratte autostradali. «Il sistema fornisce un valido supporto: nel traffico intenso l’Active Drive Assist aiuta a mantenere sempre la corretta distanza dal veicolo che precede, senza tuttavia regalare spazio agli altri veicoli. Ovviamente devo sempre tenere tutto sotto controllo, ma dopo nove ore di lavoro, grazie all’Active Drive Assist, non sono più così stanco come prima.»

Ecco come funziona l’Active Drive Assist: non appena il conducente inserisce il Tempomat e fissa una velocità, l’Active Drive Assist viene attivato. Quando la telecamera del sistema rileva la demarcazione della corsia su entrambi i lati, l’Active Drive Assist comincia a supportare Tom attivamente nel controllo longitudinale e trasversale del truck. Il tutto viene visualizzato sul display centrale della plancia multimediale mediante un piccolo simbolo blu raffigurante un volante e le demarcazioni della corsia, sempre di colore blu.


La posizione del truck nella corsia può essere regolata da Tom tramite il volante multifunzione dell’Actros: sul lato sinistro del volante sono collocati sei interruttori disposti in cerchio, anche per il controllo del Tempomat. Al centro, tra questi interruttori, sono posizionati i pulsanti del touch control, elementi di comando importanti per l’uso dell’Active Drive Assists: a seconda della direzione in cui Tom desidera spostare il veicolo nella corsia di marcia, il conducente scorre con i pulsanti del touch control orizzontalmente a sinistra o a destra e conferma il comando. Può anche definire la distanza dal veicolo che precede. In questo caso il conducente deve scorrere verso l’alto o verso il basso.



Se Tom ha programmato l’Active Drive Assist e il truck si avvicina troppo al veicolo che lo precede, ciò viene segnalato sul display centrale con l’immagine stilizzata di un veicolo che precede. In questo caso l’Active Drive Assist frena il truck automaticamente. Non appena è disponibile una distanza sufficiente, il sistema accelera il truck, sempre in modo automatico, fino a raggiungere la velocità impostata con il Tempomat.

Il sistema svolge lo stesso ruolo attivo anche nel controllo della corsia di marcia: se il truck sta per uscire dalla corsia, l’Active Drive Assist sterza il veicolo e lo mantiene in carreggiata. Un altro aspetto positivo a livello di sicurezza è che se Tom disattiva l’Active Drive Assist, il sistema di controllo attivo della carreggiata rimane attivo.



«All’inizio ho dovuto abituarmi al sistema», racconta Tom. «La sensazione di guida cambia radicalmente quando interviene l’Active Drive Assist. Ma ci si prende subito confidenza. Soprattutto nei trasporti interurbani si hanno effetti positivi. C’è meno stress», dice Tom, che i colleghi chiamano «Zottl» per la sua chioma. «La nuova plancia multimediale è una novità assoluta in un truck e la nuova MirrorCam è a dir poco geniale.»

Non solo per l’aerodinamica, bensì anche per la sicurezza e la gestione del veicolo, la MirrorCam è un’enorme miglioria.

«Senza gli specchietti ho una visibilità a 360°. Credo che anche le linee distanziatrici per stimare il traffico che precede siano molto utili.»

Il giudizio di Tom è chiaro: «Ho già detto al mio capo: in futuro voglio solo viaggiare con la MirrorCam!“


Foto: Matthias Aletsee
Video: Martin Schneider-Lau

13 commenti