Si torna in Germania

Serie: diario di viaggio

Da un confine all'altro.

Nelle ultime tappe del viaggio da Pechino a Stoccarda il team di Eberhard Joos deve affrontare la burocrazia. Il viaggio nell'ultimo tratto del Kazakistan e in Russia, Bielorussia e Polonia diventa una prova di pazienza.

Paesaggi paludosi in Bielorussia.

I 2.300 chilometri in Russia e Bielorussia, coperti in quattro giorni grigi e piovosi, ci sembrano interminabili. È tutto monotono: i giorni, le notti, la cucina... di giorno attraversiamo ampie zone paludose e boschi di betulle. Nei paesini gli anziani vendono frutta e miele sul ciglio della strada. Di notte ci fermiamo con i nostri tre Actros in parcheggi coperti di ghiaia e fango.


Un piatto per trucker in stile russo.

Rispetto alle aree di sosta in Kazakistan, le toilette non sono poi molto meglio: per lo più sono senza scarico e solo ogni tanto si può fare una doccia. Mangiamo quasi solo salsicce e uova, a volte per cambiare anche uova con salsicce e soljanka, una tipica minestra di verdure che almeno ha il pregio di essere calda. Se non troviamo un chiosco o qualcosa del genere, cuciniamo pasta e salsicce in scatola sull'Actros.

Quasi in Polonia.

Non entriamo a Mosca né a Minsk per mancanza di tempo. A Brest, in Bielorussia, facciamo una breve sosta alla WEA Transport e ci congediamo dai nostri accompagnatori. Poi si prosegue verso il confine con la Polonia.



A dire il vero avevamo previsto di passare il confine velocemente, visto che in coda davanti a noi ci sono pochi truck. Allo sportello presentiamo i documenti dei nostri veicoli. Dopo un esame approfondito, il doganiere ci comunica che mancano delle carte. Prendiamo il telefono e, grazie ai colleghi della WEA Transport, riusciamo a procurarcele. Intanto nell'ufficio della dogana c'è stato un cambio di turno. E il nuovo funzionario esamina un'altra volta tutti i documenti e ce ne chiede degli altri ancora. Ormai è mezzanotte, davvero troppo tardi per un'altra telefonata. Allora pernottiamo al confine. Non sappiamo ancora cosa faremo al mattino.


Al confine con la Polonia bisogna avere pazienza.

24 ore al confine.

Dopo una notte tormentata, contattiamo di nuovo la WEA Transport e ci facciamo mandare i documenti mancanti. Torniamo all'ufficio doganale. Stavolta l'esame da parte del funzionario dura quasi un'ora. E poi finalmente i nostri Actros possono superare il confine. Dopo la dogana, passiamo dalla polizia di frontiera. Stavolta sono passaporti e timbri a essere esaminati minuziosamente. Segue una discussione estenuante per un foglio mancante che avremmo dovuto ricevere al confine tra Kazakistan e Russia…

Dopo quasi 24 ore alla frontiera, finalmente riusciamo a entrare in Polonia. Il tempo stringe, quindi non ci fermiamo per il pranzo e cominciamo l'ultima tappa verso Stoccarda, di 1.300 chilometri. Viaggiamo fino a quando si fa notte e troviamo un posto per fermarci nella campagna polacca. 

Il giorno dopo, a Francoforte sull'Oder attraversiamo il confine con la Germania. Sulla A9 ci dirigiamo verso casa. Pur con tutta l'euforia, avanziamo lentamente: rispetto alle autostrade kazake o cinesi, quelle tedesche sono davvero sovraffollate. Non c'è niente da fare: rispettando i nostri tempi di guida non arriveremo puntuali. Così facciamo un'ultima sosta a Norimberga.

Sabato mattina arriviamo a Stoccarda. Facciamo un'ultima foto ricordo dei tre Actros davanti al museo Mercedes-Benz. Quindi, dopo 10.828 chilometri e tre settimane di viaggio, siamo finalmente arrivati allo stabilimento di Untertürkheim.


Arrivo a destinazione: dopo 10.828 chilometri, i tre truck sono tornati a Stoccarda.

Si conclude un viaggio ricco di emozioni. Ci restano molte esperienze interessanti, molti incontri con persone gentili e la conquista di nostri orizzonti.

Di questo viaggio da Pechino a Stoccarda ci ricorderemo per molto tempo.


Foto e video: Eberhard Joos
Montaggio: Alexander Tempel

16 commenti

Musiała to być super przygoda i ciekawe przezycie
Traduci testo
Zdecydowanie potwierdzamy, a 2 minutowy film to jedynie podsumowanie. Na pewno i droga nie była monotonna ;)
Traduci testo
Chciałbym też taką wycieczkę zrobić oderwać się od codzienności i pracy zobaczyć coś innego i przeżyć przygodę współpracy z innymi ludźmi.
Gute Fahrt
Gruß Richard
Traduci testo
Warto mieć plany, co prawda taka trasa to mega wyzwanie, nie tylko za kółkiem, ale też organizacyjnie, logistycznie, a także dla sprzętu. Ludzie poznają się w takiej trasie na pewno bardzo dobrze.
Traduci testo
Pelen szacun dla ekipy z Unterturkheim
Traduci testo
Zgadzamy się, po prostu twarda ekipa w drodze 🚛🚛🚛 Świetne doświadczenie dla truckerów i dla Actrosów - jest moc 👍
Traduci testo
Hallo und gratuliere super tolle Sache da hat mich sehr gefreutliebe Grüsse marcel
Traduci testo
Hallo Marcel,
schön, dass dir unser Artikel so gut gefällt! Das hören wir natürlich gerne 😄 Liebe Grüße zurück!
Traduci testo
Rundherum sehr schöner "Reisebericht"!
Welche Rolle/Funktion hatte denn der 4. Actros, der mit dem beladenen Auflieger?
Vielleicht an einigen Stellen Stress für die durchführenden Personen - aber mit der Zeit bleibt ein tolles Abenteuer zurück...
Gruß
Klaus
Traduci testo
Hallo Klaus,
der Lkw des Zentralasien-Spezialisten WEA Transport war auf der gleichen Route unterwegs. Hier noch eine Reportage zu einer Tour von Fahrern von WEA-Transport, die letztes Jahr ebenfalls auf der Seidenstraße unterwegs waren: https://roadstars.mercedes-benz.com/de_DE/magazine/route/02-2017/the-new-silk-road-5500-kilometers-to-the-finish-line.html 😊
Traduci testo
Vielen Dank!
Den Artikel von 2017... hab' ich übersehen...
Gruß
Klaus
Traduci testo
Bitteschön, lieber Klaus! 😊
Traduci testo
What a interesting and fantastic journey 👍
Traduci testo
Thanks! ☺️
Traduci testo
Perfect! 😉 Super experience! 👍
P.S. On the cars are Russian transit numbers 63 region (Samara region),the region where the cult Soviet, Russian car is produced LADA NIVA 😋
Traduci testo
Thank you, Dmitry! ☺️
Traduci testo